Fa-Re - Filarmonica_Trento

Vai ai contenuti

Menu principale:

CONCERTI
FA - RE stagione 2017 - 2018

Venerdì 6 ottobre 2017
Gomalan Brass quintet:
Scopriamo l'Aida di Verdi

Mercoledì 25 ottobre 2017
Sing, Sing, Swing
Vocalist News Project
Lunedì 13 novembre 2017
 La piccola Orchestra Lumière:
The boat di Buster Keaton ed Eddie Cline (anno 1921)
Spettacolo condotto, su richiesta, in italiano, in tedesco o in inglese
Venerdì 1 dicembre 2017
The String Soloists:
Vivaldi, una 'Rockstar' del Barocco
Venerdì 2 febbraio 2018
Il Sottobosco:
A colloquio con il "flauto dolce"

Martedì 6 - Mercoledì 7 marzo 2018
Gershwin & Bernstein
G. Gershwin: Rapsodia in Blue
L. Bernstein: West Side Story

Lunedì 9 aprile 2018
Tiger Dixie Band:
Original Dixieland Songbook




  • La Società Filarmonica di Trento, in risposta a molteplici richieste, ha messo a punto per l'anno scolastico 2017-2018 un calendario di concerti dal vivo per gli studenti delle Scuole Medie che propone quale integrazione alla normale offerta formativa programmata dalle singole Scuole nel settore dell'Educazione musicale. Si tratta di un gruppo di concerti differenziati per organici e generi particolarmente spettacolari in sintonia con gli interessi degli under 14.
  • Si vuole così offrire a tutti i docenti la possibilità di inserirli con profitto nelle programmazioni delle tre classi, prima, seconda e terza. Le repliche dei singoli appuntamenti saranno condizionate dal numero delle adesioni all'iniziativa con possibilità di riprese anche fuori sede. La Sala della Filarmonica contiene un numero massimo di 250 persone.
  • Attraverso prenotazioni concordate con la nostra Segreteria si potranno definire adesioni e presenze funzionali a una comoda fruizione. Ogni incontro avrà la durata di cinquanta minuti e potrà essere replicato tre volte nell'arco della giornata.
  • I concerti saranno condotti dai musicisti stessi; dovranno essere comunque preparati in classe attraverso anche materiale didattico preparato dalla Società Filarmonica. Biglietto d'ingresso per tutti: 3 (tre) euro.
  • Le prenotazioni, da effettuarsi da subito, si potranno comunicare anche per via telematica, previo contatto telefonico o mail. All'iniziativa possono partecipare tutte le Scuole Medie della Provincia di Trento.

Calendario concerti 2017 - 2018
Mercoledì 25 ottobre, ore 9
Venerdì 6 ottobre, ore 9
Giuseppe Verdi: Aida
a) ore 9.00;  b) ore 11.00
Gomalan Brass quintet

Il Gomalan Brass Quintet è un gruppo d'ottoni eclettico ed estremamente dinamico, costituito da cinque raffinati musicisti, prime parti in importanti orchestre italiane: Marco Braito (tromba), Marco Pierobon (tromba), Nilo Caracristi (corno), Gianluca Scipioni (trombone), Stefano Ammannati (tuba). Grazie all’avvincente sinergia tra abilità esecutiva e coinvolgimento teatrale, il Gomalan Brass si destreggia con disinvoltura all’interno di un repertorio vastissimo, che spazia dal Rinascimento al melodramma e alla musica contemporanea, senza disdegnare incursioni nel repertorio della musica per film. Fiore all’occhiello del repertorio del Gomalan Brass Quintet, il progetto Aida è la grande sfida che i musicisti lanciano all’inespugnabile fortezza della lirica: cinque musicisti in abiti di scena suonano, cantano, interpretano, recitano, ballano l’opera, trasformandosi di volta in volta in Aida, Radames, Amneris, Il Faraone, Amonastro, in un rapido susseguirsi di arie, musica e prosa. A grande richiesta, dopo il successo ottenuto da questo gruppo nel 2016, lo spettacolo viene riproposto ad un nuovo pubblico di studenti nella stagione del 2017
 
Vocalist New Project
a) ore 9.00;  b) ore 11.00
Sing, Sing, Swing
Omaggio a Glenn Miller, Duke Ellington e Benny Goodman.

Un excursus fra i più significativi brani dell’era dello swing. Accanto alla grande letteratura americana, nel programma saranno inseriti alcuni brani italiani dell'epoca in “ritmo sincopato”, come veniva chiamato in quel periodo, come ad esempio “Ba ba baciami piccina”, “Un bacio a mezzanotte” di Gorni Kramer o “Buona sera signorina” di Fred Buscaglione. Il progetto sarà realizzato dalla New Project Jazz Orchestra, big-band costituitasi nel 1984 con sede a Trento e Bolzano, a Trento con un organico di dodici elementi con due cantanti. Si tratta di una formazione brillante e poliedrica che raccoglie professionisti di alto livello, facenti parte delle più importanti istituzioni concertistiche sia in ambito classico che jazz. L'orchestra ha già collaborato con celebri musicisti e artisti, quali Lee Konitz, Florian Brambock, Bruno De Filippi, Arnoldo Foà, Paolo Valerio ed Enzo Decaro.
 
 
 
 
Lunedì 13 novembre, ore 9
La piccola Orchestra Lumière
a) ore 9.00; n  b) ore 11.00
The boat di Buster Keaton ed Eddie Cline
Spettacolo condotto, su richiesta, in italiano, in tedesco o in inglese.

La Piccola Orchestra Lumière, un gruppo di 15/20 musicisti, si presenta sul palcoscenico vestita con abiti in uso nei primi anni del Novecento, al lume di candela, di una lampada a petrolio. Così accompagna dal vivo alcuni capolavori del film muto, privi, in origine, della colonna sonora creata, oggi, dal compositore trentino Nicola Segatta. Nel suo progetto musicale rientra anche il pubblico, chiamato a improvvisare divertenti ed efficaci effetti speciali. Nello specifico il programma di questa occasione prevede la proiezione del film The boat di Buster Keaton. Nella storia, un padre di famiglia riesce a ultimare la costruzione di una barca all’interno del suo garage. Decide di procedere al varo ma, durante la costruzione non ha tenuto conto delle dimensioni della porta della sua autorimessa rispetto a quelle della barca e, mentre la trasporta fuori, demolisce la sua dimora. La famiglia decide perciò, dopo un travagliato varo, di trasferirsi e di vivere nell’imbarcazione. Solcheranno fiumi e mari e, dopo una tempesta, si ritroveranno a naufragare e a vedere distrutta anche la loro nuova casa galleggiante.
Venerdì 1 dicembre, ore 9
The String Soloists
a) ore 9.00;  b) ore 11.00
Vivaldi, una 'Rockstar' del Barocco

Un percorso attorno al virtuosismo - praticato per meravigliare e sorprendere il pubblico, - al violino – uno strumento appena inventato e portato a una perfezione estrema grazie a miti personaggi come gli Stradivari, - e alla forma del concerto - inventata per comunicare al pubblico in maniera estremamente diretta.
Un percorso attorno alle scritture lasciateci da Antonio Vivaldi e condotto da The string soloists, un gruppo internazionale dinamico di archi residente ad Amsterdam formato anche da musicisti provenienti dal Trentino.
Leader artistico, e violinista strepitosa, sarà la giovane artista Lisa Jacobs (classe 1985), pluripremiata ai concorsi internazionali e oggi conosciuta nelle principali sale da concerto del mondo dove si esibisce abitualmente con il suo prezioso "Francesco Ruggieri" del 1683.

Venerdì 2 febbraio, ore 9
Martedì 6, Mercoledì 7 marzo, ore 9
Il Sottobosco
a) ore 9.00; n  b) ore 11.00
A colloquio con il "flauto dolce"

 
Alberto Bonacina e Mauro Salera: flauti dolci
 
Giovanni Perico: flauto traverso
 
Marco Ambrosini: oboe e corno inglese
 
Ugo Gelmi: fagotto
 
Daniele Parolin: chitarra e buzuki
 
Alessio Scaravaggi: violoncello
 
 
Un incontro con lo strumento principe della musica praticata nelle Scuole medie, il flauto dolce. Un viaggio proposto da un gruppo di docenti che lavorano da anni nelle Scuole Medie e che hanno potuto così elaborare strategie, repertori, metodologie ora applicate nelle loro esibizioni in tutta Italia. Il Sottobosco è una formazione particolare formatasi intorno al flauto dolce, strumento antico e modernissimo, di cui non si apprezzano ancora del tutto le possibilità espressive e la versatilità. Nato più di vent’anni fa a Bergamo con l’intento di rivisitare liberamente, con il flauto dolce, musiche di ogni stile e di ogni tempo, il Sottobosco ha raggiunto la sua configurazione attuale con sette strumentisti radunando intorno ai due flauti dolci il flauto traverso, l’oboe, il fagotto, la chitarra e il violoncello. I brani scelti per il concerto sono legati da alcuni fili conduttori che consentono di ritrovare, attraverso i secoli, elementi universali del “fare musica”, primo fra tutti l’arte della variazione e dell’elaborazione, che porta a cambiamenti continui in un divertimento sonoro che è l’anima stessa della musica.
Gershwin & Bernstein
a) ore 9.00;  b) ore 11.00
G. Gershwin: Rapsodia in Blue
 
L. Bernstein: West Side Story
 
 
Alessandro Bianchini
Roberto Pangrazzi,
percussioni

 
Antonio Maria Fracchetti
Stefano Visintainer
pianoforti
 
 

Alessandro Bianchini e Roberto Pangrazzi sono due dinamici percussionisti di Trento, abilissimi nel muoversi fra decine e decine di strumenti che cambiano in continuazione: vibrafono, marinba, timpani, tamburi, batteria e poi... semplici bidoni di latta, oggetti di ogni forma e di ogni materiale.
Le loro esibizioni in programmi divisi sempre fra musica contemporanea e jazz, fra classico e popolare incantano e trascinano il pubblico.
I giovani pianisti trentini: Antonio Maria Fracchetti e Stefano Visintainer  entrambi diplomati col massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Trento hanno avuto numerosi riconoscimenti in concorsi pianistici nazionali ed internazionali.  
L’Ensemble sarà impegnato con due grandi pagine:  la Rapsodia in Blue di G. Gershwin e West Side Story di L. Bernstein.
Lunedì 9 aprile, ore 9
Tiger Dixie Band
a) ore 9.00; n  b) ore 11.00
Original Dixieland Songbook

Paolo Trettel, Tromba
Stefano Menato, Clarinetto/ Sax Soprano
Luigi Grata, Trombone
Andrea Boschetti, Banjo, Chitarra
Renzo De Rossi, Piano
Giorgio Beberi Sax Basso
Claudio Ischia, Batteria

Il concerto spettacolo propone un percorso intorno alle origini del Jazz: un viaggio musicale attraverso i tempi e i luoghi del Jazz tradizionale, passando attraverso le atmosfere tipiche del New Orleans e del Chicago Style, del Charleston e del Ragtime. Viene così offerta al pubblico un'antologia storica compilata scegliendo i brani più classici e famosi del jazz capaci di rendere conto delle evoluzioni stilistiche maturate nel corso del tempo, garantendo contemporaneamente un forte coinvolgendo emotivamente del pubblico. La Tiger Dixie Band, una delle poche band a livello internazionale che si dedica sistematicamente al recupero del Jazz degli “anni ruggenti, si è formata fra Trento e Bolzano, ma opera ormai da anni in tutta Italia.
L'impianto educativo rivolto alla musica (scuole musicali, bande, cori) impostato nella provincia di Trento è uno dei più avanzati e radicati fra le regioni d'Italia. Per rimanere tale ha bisogno di essere continuamente aggiornato, alimentato e sostenuto. La Fondazione sta seguendo questo settore da anni, settore al quale la Società Filarmonica di Trento, già inserita da anni, vuole continuare a contribuire. Al di là delle specifiche conoscenze musicali, gli incontri di FA-RE permettono anche un incontro diretto fra gli studenti e lavoratori professionisti con i quali dialogare in maniera schietta e diretta. In alcuni casi questo dialogo potrà avvenire anche nelle lingue specifiche degli artisti (tedesco, inglese) con indubbio valore aggiunto. L'uso delle lingue (tedesco e inglese) sarà particolarmente incentivato nella presente edizione del progetto.

Società Filarmonica Trento - Tel.:  0461.985244 - Fax: 0461.221735


Con il contributo di:


 
Torna ai contenuti | Torna al menu