Palazzo di via Verdi 30 - Filarmonica_Trento

filetto
logo
filo
Vai ai contenuti
Palazzo della Società
Filarmonica Trento
filetto
Progetto dall'architetto Emilio Paor (1863 - 1935)
Inaugurato il 30 maggio 1905
filetto
cartolina palazzo
    • L'edificio fu portato a termine in un anno, e inaugurato con un concerto il 30 maggio 1905. Oltre al sotterraneo vi erano al piano rialzato 8 stanze e un appartamentino per il portiere, al primo piano la sala dei concerti e due salette per le prove, al secondo tre stanze e le logge verso la parte alta della sala. Salvo poche modifiche al piano rialzato, la palazzina si presenta tuttora come venne costruita nel 1905.
    • Il costo dell'opera, per alcune spese non previste, salì a 127.516 corone. L'elenco dettagliato suddivide in singole voci il costo complessivo: 41.873 corone all'impresa costruttrice di Luca Lorenzi e Giuseppe Scotoni, 21.246 corone a Giorgio Paor per aver fornito la travatura in cemento armato, 11.316 corone al falegname Ferdinando Wolf, 6.547 corone alla ditta di Giovanni Fozzer per i marmi e scalpellini, 4.061 corone ad Antonio Fasana per le decorazioni in gesso, ecc.
    • Il progetto ideato dalla Direzione della Società Filarmonica non si limitava a considerare la parte architettonica e muraria, ma prevedeva anche gli "accessori" indispensabili all'utilizzo in primo luogo della grande sala: un pianoforte e un organo.
      Con la costruzione della palazzina la Società Filarmonica poneva le basi per un suo rafforzamento istituzionale dando nel contempo un concreto fondamento
      alla rinascita della vita musicale cittadina.
    • Spettacoli costruiti partendo dall’esperienza delle scuole musicale che a Trento, attorno alla didattica dei bambini, ha costruito la loro ragione d’essere –, senza dimenticare però altre realtà musicali operanti nel Trentino o gruppi di professionisti esterni attivi nel settore educativo.
    • Il tutto con la volontà di sperimentare nuove forme di spettacolo musicale dedicate ai più piccoli.
          • Sin dal secolo scorso, la Società Filarmonica di Trento s'adoperava per ottenere una sede, funzionale all'allestimento dei con